Spedizioni gratuite per ordini superiori a 50€! Servizio Clienti: info@on-wine.it
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Rocche dei Manzoni

Rocche dei Manzoni - Brut Dosaggio Zero Valentino

Rocche dei Manzoni - Brut Dosaggio Zero Valentino

€ 35,00

A PRIMA VISTA   Tipologia: Vino spumante metodo classico Gradazione alcolica: 12% Formato: 0,75l Temperatura ideale: 6 – 8°C Accompagnamento: antipasti di mare, aperitivo   PER CONOSCERSI MEGLIO   Il colore è giallo paglierino dorato, molto intenso. Brillante e dal perlage fitto e minuto. Al naso dona aromi vanigliati, un bouquet elegante dove spiccano particolarmente sentori di lieviti e di pasticceria. In bocca appare un po' seduto anche se l’acidità si rifà viva nel finale. Secco, ben vestito e suadente, ha nerbo vivace in stoffa robusta e di pieno carattere.   L’ABBINAMENTO PERFETTO (O QUASI)   Un eccellente spumante da aperitivo, ma che trova accompagnamento anche a piatti di pesce italiani, sushi e sashimi.   PILLOLE DI VINO   Valentino Migliorini era già un ristoratore di Piacenza di successo quando, nel 1974, decise di acquistare un cascinale a Monforte d’Alba, cuore pulsante delle Langhe e del territorio di produzione del Barolo. Nel 1978 iniziò la produzione del suo formidabile Spumante Metodo Classico. Nel 1998 acquistò la cantina di Ferruccio Fenocchio “Pianpolvere Soprano” in località Bussia. Purtroppo la vita riserva dei brutti cambiamenti e Valentino Migliorini muore all’improvviso nel 2007, subito dopo sua moglie e uno dei due figli. Rodolfo, il secondogenito, a poco più di 30 anni, si ritrova a dover affrontare tutto da solo, costretto a prendere decisioni più grandi di lui in totale inquietudine. Così decise di immergersi in un progetto maestoso permeato dalla memoria affettiva dei suoi cari scomparsi da poco. Le sue scelte si sono poi rivelate coraggiose e vincenti, come del resto lo furono quelle di suo padre Valentino quando, nel 1976, fu il primo a fare un blend di Langa tra Nebbiolo e Barbera e nel ‘78 il primo a introdurre le barriques per la vinificazione dei propri vini. Oggi Rodolfo, buono e gentile uomo di Langa, continua la filosofia tracciata da Valentino con grande responsabilità e passione non fermandosi mai (#neverstop si direbbe nel mondo 2.0 di Twitter) in memoria di chi gli ha trasmesso i veri valori della vita attraverso un lavoro costante.    

Aggiungi al carrello

35,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Rocche dei Manzoni - Barbera DOC La Cresta

Rocche dei Manzoni - Barbera DOC La Cresta

€ 16,00

A PRIMA VISTA   Denominazione: Barbera d’Alba DOC Varietà: Barbera Gradazione alcolica: 14% Formato: 0,75l Temperatura ideale: 16 – 18°C Accompagnamento: primi piatti di terra   PER CONOSCERSI MEGLIO   Colore rosso rubino intenso; al naso offre profumi spiccati, vinosi, che ricordano la viola e il cuoio, intensi e persistenti. Al palato risulta pulito e con sentori tipici del vitigno. È asciutto, corposo e di gran carattere.   L’ABBINAMENTO PERFETTO (O QUASI)   È un vino a tutto pasto che si abbina ad antipasti a base di formaggi, zuppe e vellutate e grigliate miste di verdure.   PILLOLE DI VINO   Questa è l’eccezionale interpretazione di Rocche dei Manzoni del Barbera. Il Barbera è uno dei vitigni più coltivati nel mondo. Non lo si pianta solo in Italia, ma lo troviamo ad esempio anche in California perché si adatta bene a climi molto caldi. Ha davvero la stoffa del purosangue se lo si coltiva nelle regioni più fresche. La Barbera d’Alba, in particolare, è un vino che tradizionalmente viene considerato da pasto, che addirittura, fino a una decina di anni fa, era ritenuto “popolare”. Dà ottimi risultati se passato in barrique. Caso vuole che sia stato proprio il podere Rocche dei Manzoni, grazie all’intuizione geniale del fondatore Valentino Migliorini, che introdusse la barrique per la maturazione dei vini in Piemonte. Questa botte da 225 litri, tra gli anni 80 e 90 avrebbe poi contribuito a far conoscere i prestigiosi rossi piemontesi in tutto il mondo, grazie al particolare tocco che dona al vino.   

Non disponibile
Prodotti in vetrina